L’anima in delirio

DOLORE

Spina l’anima nel vento che lacrima sangue nel ricordo di un tormento. Dissanguata e vuota rantola  ed avanza, mi guarda come fosse smarrita e sbronza. Di lacrime è precipitata nella notte buia e sola, disperata  ha  urlato il nome tuo a squarciagola. Nel delirio ha pregato di sentirti almeno arrivare, sognando di vederti  e toccarti nel  batticuore. Ed è stato negli abissi di questo dolore adunco che l’anima ha trascinato questo mio corpo affranto. Luoghi smarriti e freddi mi hanno circondata ad ogni passo, camminando sui rovi e sulle spine; Dio quanto son stata rigida… mi son trasformata in un masso.
Graffiando di unghie sporche la tua lontananza mi son rotta a pezzi ed ora sembro una  misera dissonanza. Ed è stato spaccando questa mia testa contro al muro che ho perso il riso, il pianto, il canto del futuro.
Ostinatamente  ho vagato nel labirinto contorto dell’esistenza, cercandoti in tutto il mio vivere come un ancora, la luce, la speranza. Vuota, la mia anima ora reclama la tua pelle, vieni amore caro, il sangue dell’anima nel vento… colora la tua strada di stelle. Cercami veloce, senza indugio e  senza inganno, tu sai quanto potrei morire ora violentata dall’affanno.  E’ amara la vendetta del mio cuore, chiama a se la follia e la malinconia diviene ardore. Dissanguo le mie arterie in molteplici verità, castrata in un mondo che prende e che non da.  Eppure se non guardo troppo lontano tutto cio’ che cerco è qui in questa mano. Il tuo amore è sempre stato qua, perchè mi perdo in taluni giorni… proprio non si sa.

22 thoughts on “L’anima in delirio

  1. La solita pigrizia mi risparmmia il PVT e dunque, una volta per tutte, questo commento è da cancellare se non da lasciare in moderazione, ok?
    C’è un “sé” che necessita di accento e poi mi dico che forse la pensavi in versi ma, come me, hai il vizio della prosa ribattuta e cesellata (nel mio caso, DUE esse), un ardore che richiama violentemente afrore se unito al “cercare velocemente” un po’ più su e mi piace un sacco, ma più che sasso, sempre per cadenzato tattile e furioso e dolce e amaro, direi “macigno”.
    L’immagine è precipua, a dire poco, e “dolore adunco” è da antologia, anche se non rioesco a non ricostruire ” di quest’odore adunco di dolore”.
    Ma io sono malato e pressoché finito.
    È bello lasciarsi andare al flusso (e venire, per carità), ma poi rimbocca le coperte, sistema il ciuffo ribelle, carezza, lima, ritorna.
    L’abitudine è l’abisso dell’agape laddove si teme che eros ci abbandoni.
    (Sto facendo finta di sapere più di quanto ignoro).
    Non ti dico brava perché sarebbe fare un complimento surrettizio a me:)

    Mi piace

  2. Amico mio come posso non postare il tuo dire che mi fa sorridere, riflettere, gorgheggiare?
    Oddio quando penso al mio strambo grammaticare a volte mi sento male pur io… ma è solo il fiume sai?
    Scorre trascinandomi senza posa e senza sosta. E’ un richiamo a cui io stessa non so rinunciare.
    Accenti, virgole, parole ricercate… tu lo sai che io scrivo tutto nel lampo di un minuto, non rileggo, volto pagina e vado oltre.
    E’ un modo pacato per poter rinascere senza chiedere permesso a nessuno.
    Grazie per le tue precisazioni tecniche delle quali tu sai quanto ti sono simpaticamente grata, ma visto che sono or ora appena rinata, concedimi il lusso per qualche giorno di vivere da neonata.

    Ti abbraccio

    Ste

    Mi piace

  3. Come se non sapessimo di coccolarci entrambi:)
    Cento di questi flussi e mille ancora, Signora, c’era un prima, un durante e ancora un poi verrà.
    È difficile tornare indietro, ma centrare l’orma lasciata – non devo continuare.
    Debbo dire grazie, di cuore.

    Mi piace

  4. Ostinatamente ho vagato nel labirinto contorto dell’esistenza, cercandoti in tutto il mio vivere come un ancora, la luce, la speranza…
    ….parole difficili, intrise della ricerca affannata e agrodolce di chi sà di amare, incondizionatamente. Splendida come sempre nel tuo delirio d’amore o d’amare.
    Buongiorno doc

    Mi piace

  5. Senza parole resto dinanzi alle tue elucubrazioni….. e mi chiedo sara’ vita vissuta o voli d’artista delle parole? troppo complicato per la mia mente troppo stanca…. Un sorriso

    Mi piace

  6. Blueviola… purtroppo nessun volo pindarico o giri di parole.
    E’ il fiume che dentro me straripa e nemmeno io poi so piu’ gestire. E’ un dire, il mio, che sgorga ininterrotto.
    Spesso fa male.

    Un bacio

    Ssn

    Mi piace

  7. Capisco….. e conosco quel fiume ininterrotto di parole , di pensieri e di emozioni ……. che non traduco in parole per non ridere di me stessa…… Anche a me leggere quello che scrivi …fa male qualche volta…. Un sorriso

    Mi piace

  8. “nel delirio ho pregato di sentirti almeno arrivare, sognando di vederti e toccarti…”
    parole che mi hanno dato un fremito…bellissime davvero.
    per rispondere al tuo commento, lei l’amerò sempre, è qualcosa che non si può spiegare, ma ora se sto con lui…è perchè è l’unico che sia riuscito a farmi sentire viva e a farmi provare sensazioni che credevo perdute dopo tanto dolore… l’unico tra tante persone…e ora lo sento così vicino che mi sto pian piano convincendo che forse è davvero tempo di guardare avanti…l’amore è strano sul serio, anche per questo è imperfetto…
    un bacio cara.

    Mi piace

  9. Buona fortuna allora Bisexualgirl:-)
    Che la scelta di vita ti sia lieve,
    che l’amore che insegui ti sappia restituire lo stesso calore che dai, che il tuo cuore batta nell’unica direzione che hai scelto per poter essere serena e perchè no?… Felice con lui..

    Un abbraccio grande

    Ssn

    Mi piace

  10. Dimenticavo…… sto leggendo il tuo libro ( ho l’abitudine di leggerne 3/4 per volta ) intenso come mi aspettavo e molto sentito nelle parti “forti” di un amore vissuto….. Ho letto anche i commenti sul sito Tendenze e Cultura Gay e mi sono divertita molto per la stupidita’ delle persone ……. E’ sempre e solo musica…. ” Un sorriso

    Mi piace

  11. Oddio Cucchiaino, amica mia… esperta d’amore io? Non direi proprio sai? Poche storie nella mia vita… forse sarà stata la loro unicità. Forse.

    Forse è solo l’amore in sè.
    Sono cosi’ innamorata! Dell’amore.

    Ssn

    Mi piace

  12. Buon giorno Signora, che sia leggero come il soffio della primavera che s’insinua sotto la pelle e scatena brividi arditi …
    Grazie per le coccole ieri… me ne servivano una vagonata e un po’…
    Giornata storta, capita.
    Ah ma oggi c’è un sole ….
    🙂
    Un bacio grande!!!
    Grrr…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...