Spavento della mente

spavento della mente

Non esiste una parola che possa spiegare quanto faccia male. E’ un turbinio della mente che disturba l’anima e induce in crisi esistenziale. Attaccarsi al nulla per trovare un appiglio indolore. Giustificare senza colpe per sopravvivere all’amore.  Aghi avvelenati tagliuzzano senza posa la serenità mia, accorgendomi che d’improvviso soffro di claustrofobia.  Impossibile condurre sul rasoio un cammino verso l’impotenza, corro il rischio di rompermi la testa osando sperare nell’ innocenza. La paura azzanna il mio intelletto e la schiavitù mentale mi rende tiranna. Io che non ho mai fumato, nella perdizione oserei una canna. Neppure nel giorno che nasce dimentico quanto faccia male, è uno spavento che mi è entrato dentro e non mi lascia riposare. Sogni terribili disturbano i miei sonni leggeri: una partenza rimandata e l’incontro con una strega che un tempo hai creduto fata. Ed ogni giorno, temendo quel turbinare,  mi sorprendo atterrita che la stessa paura ritorni a farmi male.

15 thoughts on “Spavento della mente

  1. Ehi, Signora….
    Neil Young: Out on the Weekend, chitarra scema, armonica ancor più scema e quella voce sbilenca a scardassare il cervello.
    Un abbraccio e un bacio.
    Io sparisco ma purtroppo ritorno – come le mosche al primo sole:)
    lzd

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...