Costrizione

Gesso. Nell’involucro che mi costringe, rimpicciolisco ogni giorno di più.
56 55 54 chilo grammi massa enzimi cellule.  Morte. Come il fogliame.
Rosso amaranto calpesto coi piedi, fumo dal respiro per il gelo. Asma.
Il piede che fa ancora male,  come il cuore: piove sangue.
Lamina fissata con la colla calda, non mi posso lavare.
Incrostazioni di calce tra lacrime e notti bianche.
Non esistono dubbi su ciò che sono, provo, domino.
Mi detesto, amo, mi alzo, cado.
L’abbandono è il danno. La solitudine il regno dei dannati.
Il dubbio un tarlo rovinoso. L’ansia la madre sconsiderata che violenta.
Il contingente ingessa tutte le ore. 
Dura di più la morte o l’amore?
54 53 52

One thought on “Costrizione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...