Alle calende greche

Sono alle calende greche, puntellata ad un momento che non arriverà mai. E’ inutile aspettarmi. E’ stata una scelta: rinascere lontana. Da una posizione di vigilanza. Fuori dal cerchio dei tessuti stretti e delle corde orticanti chiamate sensi di colpa. Asserire che quaggiù la vita sia più trasparente è illusorio, nonostante il sorriso che mi incendia il viso ed il color verde dell’abito e dell’habitat a cui affido la mia bellezza interiore. 

stefania diedoloEppure tale luogo mi ha sgravato di qualche fardello divenuto un lenzuolo soffocante, mi ha reso le spalle meno austere e le scelte di vita più libere, individualistiche. Tenere in conto ininterrottamente delle urgenze altrui aveva accorciato pericolosamente la mia coperta. Fino a quando non si è strappata ho resistito, poi è diventato improbabile continuare a sostenere tutto quel gelo e me ne sono andata. Oggi sono in un luogo dove ognuno basta a se stesso e se ci si incrocia è solo perché ci si ama, un luogo dove gli obblighi sono mere convenzioni e vengono presi come tali, senza giudizi ed imposizioni di verosimili mutazioni. Sono in un frangente dove il calore e l’armonia sono gli aghi di una bilancia che gestisco solo io. Una bilancia ben posata ed in equilibrio. Sono ad kalendas graecas. Rimando al mittente ogni avanzata armata o disarmata. Non si marcia nella mia direzione per prendere. Ci si limita alla comunicazione. Al contatto. Ci si dona senza pretendere nulla in cambio, ma non si afferra più niente, non si tira, non si ordina, non si pretende. Il mai può divenire salvezza quando il sempre si è trasformato in abuso e ci si è accorti di aver perso tutto.  Non è troppo tardi per essere ciò che vogliamo essere. Io sto bene solo quando sono nuda innanzi a me. Alcune mattine faccio fatica a sopportare i miei abiti, figuriamoci se devo indossare ed annusare anche quelli degli altri. Se voglio continuare a sorridere è proprio il caso che io insista nell’osservazione a debita distanza. Circostanziando, l’emotività non domina e la mente impara a comprendere quando trattasi di pippa o di realtà. Alle calende greche non esistono seghe mentali e tutto appartiene ad una parola lunghissima: al mai.

36 thoughts on “Alle calende greche

  1. Hai scritto di molte verità. Le stesse per cui ho fatto tanti cambiamenti, preso decisioni apparentemente folli e che poi mi hanno ripagata in Vita. Essere nudi dinnanzi a se stessi non è da tutti ed è meta ardua da raggiungere ma quando la si ottiene è pura libertà.
    Bello leggerti 🙂

    Mi piace

    • E’ estremamente complicato cambiare. Gli altri restano spiazzati ed il più delle volte oppongono resistenza. Ciò nonostante ho imparato sulla mia pelle che è solo perseguendo il cambiamento che ci si può salvare.
      Un caro saluto
      stefania

      Mi piace

      • ma io dico seriamente, troppo facile far la cazzona in vacanza, vallo a fare a taormina e là dove tutti aspettano un’altra persona e tu gli devi dire ehi sono io, quella è la liberazione, che poi a taormina per me apprezzerebbero, e se non apprezzano cazzoni loro

        Mi piace

      • Ora ti rispondo seriamente anche io:
        noi non ci conosciamo live quindi lo schermo del pc rimanda solo l’immagine che crediamo di scorgere o l’idea che ci siamo fatti di una certa persona (taluni parlano di proiezioni).
        Qualche amico blogger che ho avuto l’opportunità e la fortuna di conoscere vagando qua e là… so che può garantire per me, quindi mi permetto di assicurarti che il mio sorriso un pò “cazzaro”, che io sia sdraiata al lago di Molveno in jeans, o sia seduta in minigonna e tacchi a spillo in fianco ad un professore, è SEMPRE il medesimo.
        Non riuscirei ad esser diversa nemmeno a volere perchè io sono così. Ultimamente ho condotto presentazioni letterarie dove la serità dell’ambiente è stata spesso spezzata dalla mia ironia e dal mio ridere in primo luogo di me stessa, ma non era proponibile una Diedolo che “risponde sopra le righe” durante un’intervista seriosa innanzi a cento persone.
        Non si può essere free ovunque perchè una situazione di vacanza è giustamente imparagonabile rispetto all’ambiente lavorativo dove è richiesta oltre che alla serietà il decoro.
        Si può invece cercare d’esser più rilassati e menefreghisti, cosa che io non ho ancora imparato a fare ed a cui auspico con tutte le mie energie.
        A Taormina l’ambiente sarà informale.
        Trattasi di settembre, io vorrei andarci in short e infradito. Diversamente mi prendono in short e piedi nudi:-)

        Mi piace

  2. Perfetta frase :”il mai può divenire salvezza quando il sempre si è trasformato in abuso…” Prendersi tutto il tempo che ci vuole e rimanere a debita distanza per essere solo se stessi.Bisognerebbe tutti provare. Chissà come sarebbe il mondo o meglio come riusciremmo a vederlo. E’ una sfida che ci proponi mia cara Stefy.Vedremo.Un abbraccio e buona giornata. In foto stai benone. Isabella

    Mi piace

    • Una sfida proponibile Isabella.
      Anche a me fu lanciata sei anni fa da una persona che si chiama Mara B.
      Accettandola mi sono messa nelle sue mani, ma si sta rivelando una scelta vincente.
      In foto sto benone perchè la scorsa settimana sono stata in Trentino qualche giornata e nel momento in cui mi son trovata innanzi al lago di Molveno non ho potuto trattenere la gioia. E’ un luogo splendido che ti invito a visitare con Luciano.
      Buona settimana
      Stefania

      Mi piace

      • Cara Stefy da troppo tempo non torno in Trentino. Il lago di Molveno è una perla come tanti luoghi di lassù.E non dimentico le Dolomiti che ho sempre nel cuore per i momenti splendidi che mi hanno regalato.La calma dei laghi unita allo splendore della montagna è ciò che fa meglio star bene.Si torna poi alla solita routine più carichi ed in forma come te che dal viso aperto ad un sorriso smagliante ci fai invidia. Buona settimana mia cara e grazie del consiglio. Isabella

        Mi piace

  3. Il “mai” ed il “per sempre” non esistono, sono pure astrazioni, convenzioni verbali a cui alcuni si aggrappano. Esiste l’oggi, domani potrebbero cambiare le condizioni e quindi anche le convinzioni.

    Le pretese, soprattutto quelle inespresse, sono una delle ferite peggiori che vengano inferte ad un rapporto (quale che sia, a maggior ragione in una coppia).

    Comunque se ti serve un accompagnatore elegante, piacente e di buon eloquio per il festival di Taormina non esitare a chiamarmi 😀

    Mi piace

    • Quanto sei Figo Fedi, dici che pure a Taormina sarà possibile fare la nostra gara di calcetto e figurine? 😄😄😄 ma lo sai che in montagna ho giocato a calciobalilla dopo anni che non prendevo in mano una manopola ed in porta…sono ancora una superstar🎉🎉🎉

      Mi piace

      • Si può fare di tutto (senza doppio senso) …compatibilmente con i tuoi impegni sociali si può anche cenare in terrazza e parlare, che sia di figurine o di questioni “esistenziali”. Come direbbe qualcuno, so poco ma di tutto. E senza secondi fini, nonostante il “personaggio” 😉

        Mi piace

      • Non avevo dubbi sul “personaggio” dietro il quale è celato l’uomo con cui parlo io. Diversamente mica ti proponevo tutte queste attività ludiche! 😉 Per settembre non conosco manco le date, di certo sarà un festival ed io sarò con l’editore e la mia agente. Abbiamo tempo per riparlarne. Intanto, appena ho voglia, mi organizzo per la city…

        Mi piace

      • Ti aspetto da tempo, a Milano. È preparati a farti rapire per una sera, da questo (vecchio) gentilhomme italien

        Nota: vecchio per esperienza, prima che a qualcuno sfugga qualche battuta troppo spiritosa 😛

        Mi piace

  4. Hai fatto bene, ne avevi bisogno, per te stessa e per i tuoi cari, ti servirà per rigenerarti e poter affrontare le cose nel modo più giusto ed anche, con un dovuto “distacco”. Un forte abbraccio! 🙂

    Mi piace

  5. Chiare ed ineccepibili riflessioni anche se, per arrivarci, come si suol dire, “si paga dazio”. Tu hai avuto il “coraggio”, io direi la dignità, di farlo, non tutti son capaci. Ci vuole molta forza d’animo e, quel che più conta, rispetto per se stessi.
    Ciao, Stefy. Buon pomeriggio. Con stima ed affetto amicale. Osv.

    Mi piace

    • Sai…che non so se si tratta di “coraggio” o “sopravvivenza”?
      Una cosa è certa: non è facile, ma non ne faccio un dramma. Ormai ho preso posizione e non mi svendo.
      Buon pomeriggio a te caro Osvaldo, io ho a breve un tête a tête col dentista, auspico per te ore più liete😄
      Ti abbraccio
      S

      Mi piace

  6. è sempre difficile commentare un post intimista senza mettere il piede nella pozza della banalità

    mi ha colpito questo passaggio:
    “Asserire che quaggiù la vita sia più trasparente è illusorio”…

    infatti trasparente non lo è affatto ma questo non è una iattura, non per coloro che imparano a muoversi nel buio creato dagli altri affidandosi al proprio radar interiore.

    buona giornata Stefania

    Mi piace

    • Non è così difficile commentare se chi ci prova si affida al proprio radar interiore e sa di possedere sensibilità oltre che genio razionale (quello che tu hai). Come sempre hai estrapolato la frase che mi dipinge e mi espone come se fossi stesa sotto un pennarello fosforescente. Come sempre hai colto l’invisibile ed in punta di piedi lo hai colorato.

      Mi piace

  7. Molto bello quello che hai scritto. Mi sembra di rivedere una vecchia me, una donna che ha cercato disperatamente di liberarsi di ciò che la faceva star male e che ha combattuto per essere felice. Hai un bel sorriso. Buona serata. Lila

    Mi piace

  8. Leggendo il post precedente ho rivissuto per un attimo l’atmosfera che ho assorbito per osmosi per molti, troppi anni. Soffocava lui e di rimando soffocavo pure io. Anche il suo non sopportare più le dinamiche del vostro ambiente lavorativo ha avuto un suo peso, magari minimo ma l’ha avuto, nel mio dire basta.
    Leggendo questo post, invece, ero lì con te su quel prato, pensando a un altro lago che sai, e che mi è rimasto impigliato dentro, nel setaccio delle cose belle.

    Baci!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...