Dimensione parallela

ACROBATA
Sono in fase creativa.
La mia vita scorre piano, attorniata da persone in carne ed ossa che spesso non mi rivolgono nemmeno la parola.
Che meraviglia sono i personaggi che abitano la mia testa?
Non mi lasciano un attimo.
E’ colpa loro se confondo il reale con l’irreale, il fisico con l’astratto.
Se ricerco la solitudine.
Se dormo con mille nomi sul cuscino.
Tutte le loro voci nella testa sono un circo.
L’ho sempre saputo di non essere una vera scrittrice.
Io sono solo un’acrobata.

40 thoughts on “Dimensione parallela

    • Osvaldo se lo dici tu sarà vero, ma io mi sento molto Mary Poppin’s. Ho una borsa piena zeppa di cose, ma non trovo mai ciò che cerco. In più…vorrei spiccare il volo, ma da buona acrobata non possiedo ali. Solo corde e cerchi e birilli e nomi. Tanti nomi.
      Un bacio
      🙂

      Mi piace

  1. “L’ho sempre saputo di non essere una vera scrittrice.
    Io sono solo un’acrobata”

    tutti possono cimentarsi nello scrivere, infatti lo fanno… 😀
    ma il “parkour”… il “parkour” è una pratica che richiede doti non comuni

    TADS

    Mi piace

    • …non è facile esplorare le nostre potenzialità, prevede disciplina e allenamento. Gli unici strumenti a disposizione sono il corpo, la mente e se occorrono le scarpe da corsa. Superare gli ostacoli…è il mio stile di vita per trovare me stessa. Ecco perché non sarò mai una vera scrittrice. Io non scrivo per vivere, scrivo per non morire cercando di adattarmi a ciò che mi circonda.
      Non ti nego che certi giorni vorrei essere un albero centenario.
      S

      Mi piace

      • i veri scrittori non esistono, esistono “scrittori professionisti” ma questo non significa che sappiano scrivere, anzi…!!! L’emotività di chi legge è soggettiva, anche raggruppandole non si giunge alla definizione tangibile

        non sono mica tanto convinto sia così fondamentale trovare se stessi, dopo l’essersi trovati che succede??? il più delle volte si smette di sognare e si piomba nel baratro, sia esso positivo o negativo… sempre baratro è.

        da un punto di vista filosofico non esistiamo, non come entità fine a se stessa, sono gli eremiti i soggetti che hanno trovato quel “se stesso” che angoscia tanti animi

        viviamo con una app nel cervello che ci aggiorna i programmi in continuazione, se trovi te stessa alle 11 del mattino, è molto probabile che alle 11,01 quel “te stessa” sia già obsoleto.

        non so se mi so capito 😀

        Mi piace

      • Tu ti sei capito benissimo😄
        Sono io che, con riferimento al tuo pensiero filosofico, non ho ancora capito niente della vita.
        Eppure ci provo: a vivere ogni minuto come fosse l’ultimo.
        Purtroppo mi frega la testa.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...