Ricordo del concerto-presentazione presso Auditorium Coccaglio (Bs)

La presentazione letteraria che ho avuto l’onore di presenziare sabato scorso è stata a mio giudizio bellissima. L’emozione, così breve e veloce del contesto, mi è rimasta impressa sulla pelle con un senso di gioia che difficilmente potrò dimenticare. Sarà che ero tesa e preoccupata. Sarà che non conoscevo la piazza. Sarà che non avevo mai vissuto un’esperienza così pregna di tante sensazioni contrapposte, fatto sta che stasera sono ancora qui che tremo, mentre nelle orecchie mi rieccheggia la voce del baritono Ivan Medardi e nel cuore il pianoforte di Flavio Minelli insiste nel lasciarmi le dolci note del brano “Sacrifice” di Michael Nyman. L’Associazione Culturale Montorfano di Franciacorta ha portato sul palco con me anche il virtuosismo del violinista Claudio Minelli e le incantevoli soprane Jessica Bocchi e Savina Lazzaroni. Tra il pubblico, gli amici fedeli che mi seguono sempre, hanno reso ancora più importante il significato di ogni parola che ho speso con passione. Le serate letterarie sono promozionali ad un progetto, così tutti pensano ed in effetti è esattamente ciò che mi chiede la casa editrice, ma sin dal 2007 mi sono accorta che il mio approccio verso il pubblico va in tutt’altra direzione. Mi ritrovo a sorridere felice, dare baci e ricevere abbracci. Sento improvvisamente quel contatto umano di cui ho bisogno per essere serena e mi dimentico del motivo per cui sono su un palco, della fatica immane degli anni spesi a scrivere la notte perchè di giorno lavoro, di ciò che pensano i presenti, di come andrà la serata. La mia parte adulta diviene piccola e ad ogni nuova avventura è come ritornare con entusiamo su quella giostra con i cavalli che da piccola amavo tanto e che mio padre un giorno mi regalò in formato carillon. Come sempre vi lascio qui un ricordo fotografico dell’evento, affinchè possiate avere un’idea di cosa accade quando si mescolano più arti. A quando dalle dita d’oro sulla tastiera di un pianoforte, si passa alle mani posate su un violino, fino a giungere alle mani dei cantanti che per trovare l’aria giusta stringono foulard, pizzi e leggii, il tempo si ferma e tutto ritorna alle origini della nostra esistenza. Le mie dita, per tutta la serata, si sono aggrappate a “Bocca di lupa”, mentre con gli occhi non ho mai smesso di perdermi nel pubblico che, con la sua calda presenza, mi ha dato forza e calore. Un grazie caloroso a tutti gli ospiti in sala, al Comune di Coccaglio per aver permesso la realizzazione dell’evento ed  al Presidente dell’Associazione Montorfano di Franciacorta: Flavio Minelli per il gradito invito. Fedelmente al mio fianco l’attrice Lucia Giroletti ed il mio carissimo amico giornalista di Teletutto Diego Trapassi.

8 thoughts on “Ricordo del concerto-presentazione presso Auditorium Coccaglio (Bs)

  1. C è così tanto on questo tuo resoconto che ora sono emozionata anch io.
    vedi? Basta lasciarsi andare come i bambini al sonno per acquistare serenità. E dalle bellss immagini festose tu ci sei riuscita con un sorriso luminoso.
    sherazade

    Mi piace

    • È vero, ero tesa. Ne avevo motivo, credimi, ma poi come per magia mi sono distratta dai miei pensieri. Vedevo la gente felice, la loro curiosità e mi son fatta trasportare dall’entusiasmo generale. È stato bello! Grazie per queste tue parole.
      Ti mando un abbraccio
      Stefy

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...