Se la sabbia potesse parlare…

Prova costume

Come ad ogni inizio estate il web impazza di consigli, moda e diete detossinanti “fai da te” per affrontare la famigerata prova costume, roba che se dovessimo applicarle alla lettera il terzo giorno ci ritroveremmo disidratate in una bara. La forma fisica è prima di tutto una “forma mentis” non certamente un approdo momentaneo, inizia da piccole e si protrae tutta la vita, sarebbe sufficiente un’alimentazione salutista e una camminata veloce di un’ora al giorno per abbassare il colesterolo e bruciare le calorie di troppo.

Sono reduce da una settimana in Salento, terra meravigliosa di sapori e colori ma ciò che hanno visto i miei occhi non è facilmente raccontabile, per fortuna la sabbia non può parlare. Evitando considerazioni sulle persone anziane che il loro look mediamente resta dignitoso, ho riscontrato che tra i venti e i cinquantacinque anni si è totalmente perso il senso del pudore e del bello.

Osservando l’umanità che si muoveva sulla spiaggia, ho distinto la massa in due gruppi: chi scimmiottava la “modernità” e chi rincorreva un’idea di “antichità” indipendente dall’età del soggetto coinvolto. Credetemi, la battigia a qualunque latitudine é invasa da umani mediamente tatuati per 2/3 del corpo, donne comprese. Diavoli alati e teschi imperano più dei costumi che quest’anno sono talmente minimal da obbligare l’utenza a una depilazione totale. Purtroppo vedere maschi aitanti con le cosce e il pube liscio come quello di una femmina avrebbe azzerato gli ormoni anche a un’adolescente ingrifata. Parallelamente la gioventù femminile si è profusa in look anni sessanta con mutande ascellari firmate Golden Lady, costumi interi dotati di spalle alate che ricordano i dolcevita della mia infanzia, fasce colorate per i capelli modello Greta Garbo e tacchi infradito da spiaggia. Prendere il sole così vestiti o con addosso un burka “c’est la meme chose”. Mentre osservavo mi sono chiesta… ma non hanno caldo? Come faranno a farsi un bagno? Ma io a qualche fazione appartengo? Sì, perché a un certo punto ti guardi e comprendi di esserti persa volentieri qualcosa per strada. 

E’ evidente che il principio dell’apparire che dilaga sui social ha preso il sopravvento sulle regole standard di bellezza e decoro che dovrebbero influenzare la realtà. Non conta quanto si è alti o belli, quanto si è in forma fisicamente, o quanto si è assolutamente nella media, ciò che urge è non passare inosservati. Quindi via libera alle tinte per capelli astruse, occhiali da sole improbabili, tattoo che invece di marcare ricordi sulla pelle danneggiano la retina di chi guarda. Quand’ero una ragazzetta ed ero in forma strepitosa, per scherzare con le amiche  dicevo che avevo fatto la prova costume e mi stavano bene solo le ciabatte, oggi vi giuro che non si salvano nemmeno quelle. Personalizzate e con pelo in bella vista, hanno reso calda in modo improprio un’estate che fino alla scorsa settimana faticava veramente a decollare. 

Constatato con piacere che le mode continuano a non influenzarmi e che anche quest’anno ho aperto la mia cinquantesima estate da amante ossessiva del mare con la mia solita nonchalance, mi sento di dare un consiglio a chi si sta distruggendo per l’imminente prova costume: “Rilassatevi e statevene tranquilli, intanto tranne qualche sociologo nascosto tra la massa non vi guarderà nessuno, tutti si staranno controllando gli addominali riflessi nel mare o al massimo avranno gli occhi persi dentro l’ultimissimo e modernissimo cellulare”.

Stefania Diedolo

Il principe

matrimonio.jpg

Quest’oggi il web è tornato normale, direi anche abbastanza spento considerata la flemma che pervade ovunque. Dopo il matrimonio dell’anno, dove tutti hanno potuto pubblicamente esternare la propria opinione come fossero seduti al bar dell’oratorio, si sono spente le luci e finalmente si sono chiuse le bocche. Perché a dar fiato all’ugola son capaci tutti. Sapevo che la popolazione italiana è facilmente preda di virus come dire… modaioli, ma che in modo così ostentato fosse fieramente detentrice del premio “invidia il prossimo tuo” non potevo nemmeno immaginarlo. Nelle ultime 48 ore i social si sono trasformati nella bibbia delle cazzate; se tutta la gente impegnata nel creare battutine, cartelli e foto ironiche avesse dedicato il suo tempo ad amare o aiutare qualcuno, oggi saremmo più ricchi. Henry è un principe in carne ed ossa, bello, aitante e rosso, non come quello biondo slavato delle favole che tanto abbiamo amato da bambine. È un principe vero della famiglia reale britannica, sesto in linea di successione al trono del Regno Unito e dei reami del Commonwealth, duca di Sussex. Che alle casalinghe incazzate perchè il postino non suona più due volte  piaccia o meno, che agli uomini piccoli che hanno tutto piccolo aggrada o meno, è convolato a nozze e il mondo lo ha applaudito da ogni latitudine. Il meglio e il peggio del Royal wedding ha permesso a tutti di fare gossip… non solo ai giornalisti e adesso, mentre noi umani facciamo la spesa all’Ipercoop e ci alziamo alle cinque per andare al prendere il treno che ci porterà in ufficio, lui continuerà a fare il principe.

E che principe. W gli sposi.

DEMISESSUALITA’ – fenomeno sociale o essenza?

VIGNETTA

Navigando in rete ho appreso un nuovo termine che identifica coloro che provano attrazione sessuale verso una persona esclusivamente in un contesto di conoscenza profonda e trasporto emotivo: i demisessuali. Dopo gli omosessuali, gli eterosessuali, i bisessuali ecco apparire la demisessualità che, a differenza delle altre casistiche, può appartenere a tutti indistintamente perché il legame affettivo prescinde il genere, mentre ha priorità assoluta la solidità affettiva del rapportoFatico a comprendere la necessità imperante di catalogare l’umanità, ma pare che questo secolo si sia specializzato nell’attribuzione di genere, colore e bandiera. Forse il bisogno di sicurezza ci impone di dare un nome a tutto, di rendere ogni cosa il più concreta possibile per poterla studiare, quasi toccare? I social definiscono la tendenza come un fenomeno, ma non è abbastanza conosciuta per poterla identificare come un’ideologia conservatrice o religiosa in quanto non svaluta l’atto sessuale, bensì lo rivaluta solo all’interno di una relazione. Innanzi all’invasione degli “amici di letto” o “tromba-amici” dell’ultimo decennio, i quali fanno sesso senza implicazioni sentimentali né obblighi di sorta, ecco che la condizione dei demisessuali sembra emergere come un paradosso. Sebbene la società viva una dimensione oggettivamente sessuocentrica, perchè dev’ essere considerata atipica l’esigenza del tutto umana di dare un senso all’attrazione? Quando vedo una persona, ma pur trovandola bella finisce lì… significa che sono demisessuale? Il sapere che non sarò mai attratta da nessuno finché non saremo in confidenza… mi identifica come demisessuale? Il movimento si è attribuito una bandiera composta da quattro bande orizzontali di uguale misura di quattro colori diversi e un emblema che è l’asso delle carte da gioco col seme di quadri. Mentre il simbolo che aiuta i soggetti ad individuarsi tra loro è un anello di ematite nera portato al dito medio della mano destra.  In un mondo senza alcun alibi per gli eccessi, ove l’overdose d’informazione ha superato ogni limite, mi chiedo: <<Può la solitudine dilagante aver reso necessario attribuirsi un termine per sopravvivere al confronto con un numero impressionante di alternative?>>. La natura umana è l’insieme delle caratteristiche, compresi i modi di pensare, di sentire e di agire, che gli esseri umani tendono ad avere, indipendentemente dall’influenza della cultura. Eppure sento che era più facile quando tutto sembrava difficile:
<<Tu sei?>>.
<<Umano>>.
E finiva con una pacca sulla spalla e una stretta di mano.
#vogliadicosesemplici