STEAMSTATION BOLOGNA Sabato 10 Ottobre ore 20:30

BOCCA DI LUPA FOTO

Presentazione letteraria romanzo:
BOCCA DI LUPA di Stefania Diedolo

Sabato 10 ottobre 2015  alle ore 20:30
presso STEAMSTATION PUB
Via Riva di Reno, 37/H
40122 BOLOGNA
tel 051 223976
Modera la dottoressa Danila Russo
Sarà presente l’autrice

LOCANDINA

“Bocca di lupa” in formato Kindle GRATIS su Amazon per 5 giorni

A partire da oggi 8 agosto fino a giovedì 13 agosto, la Inkwell Edizioni regala la possibilità di scaricare gratis il Kindle di BOCCA DI LUPA da Amazon.
Per chi non lo avesse letto approfitti di questa promozione che durerà solo 5 giorni. Il link per accedere al formato digitale è il seguente:

http://www.amazon.it/gp/aw/d/B00GR8PD2Y/ref=mp_s_a_1_2?qid=1439022217&sr=1-2&pi=SY200_QL40&dpPl=1&dpID=51vMEoVqPxL&ref=plSrch

Buona lettura

Stefania

Associazione Alveare Milano – 20 ottobre ore 21:00

Locandina Alveare MilanoTra una settimana sarò impegnata a presentare il mio ultimo romanzo a Milano. La location dell’evento è l’Associazione Alveare di via della Ferrera 8. Nella locandina che allego potete visionare i dettagli della serata. Sono ad un giro di boa importante, dopo la city farò ancora un paio di eventi – il 7 Novembre presso la Biblioteca Civica di Orzinuovi, il 27 Dicembre a Lecce con la collaborazione del cantante Max Vigneri alla rassegna letteraria chiamata “Le mani e l’ascolto” ideata e organizzata  dall’Associazione Culturale Fondo Verri  – e poi sarebbe mia intenzione stoppare questa lunga maratona che ho intrapreso su e giù dall’Italia, perché la mia terza opera bussa, strepita ed ormai mi ha talmente coinvolta che devo portarla a termine in un arco temporale adeguatamente sufficiente, per impedire che i personaggi s’impossessino del tutto della mia mente. Diversamente un ricovero presso la Neuropsichiatria del Papa Giovanni di Bergamo non sarebbe affatto improbabile.
L’Associazione Alveare merita una nota di attenzione. Se chiedete alle associate cosa significa per loro la parola Alveare, vi risponderebbero senza mezzi termini: “’aver coronato un sogno. Un luogo di incontri, di studio, di divertimento che pensi alla Donna come forza reale, concreta, come ad una filosofia di vita; dove potranno esprimere il proprio talento, le proprie competenze o, più semplicemente, le proprie passioni. Dove avranno uno spazio tutto loro, dove potersi confrontare o rilassare sedute davanti ad un camino acceso. Tra le attività il Teatro, il Cinema, la Danza, Mostre, Benessere, Presentazioni di Libri, Design, Moda e tanto altro ancora”.

Donne. Sono tante. Forti. Fragili. Sole. Innamorate. Madri. Figlie. Io sono una di loro.

Ho visitato l’Associazione una decina di giorni fa. Non la conoscevo. Splendido il salotto vintage ove effettuerò la serata. Per potervi passare del tempo libero devi essere tesserato. Realizzare un evento che costringesse tutti i miei ospiti al tesseramento mi risultava improbabile. Che dovessi limitare l’accesso all’utenza maschile… ancor meno possibilistico. Ma loro sono state meravigliose. Mi hanno donato una serata open, free, aperta a chiunque abbia voglia di venirmi a trovare, senza obbligo di tessera e con l’utenza maschile ad ingresso libero.
Avevo troppi amici, conoscenti, colleghi uomini per obbligarli ad un cambio d’abito pitonato o col boa di pelo colorato. Pur di potermi ascoltare so che alcuni di essi si sarebbero volentieri prestati ad un mascheramento degno delle migliori drag queen.
Ma tra il serio ed il faceto, l’Associazione si è rivelata politicamente corretta, oltre che generosa e sposando la mia teoria: “se l’amore non ha sesso, nemmeno la cultura ne ha”, mi ha accontentata.
Durante la serata presenterò “Bocca di lupa”, ma al centro della scena porterò con me anche “ioAmo”, il romanzo saffico che nel 2007 divise l’Italia perché, con l’ardire dell’esordiente, osai affermare ciò che tutti sanno, ma nessuno mai aveva avuto il coraggio di scrivere. Milano per me è una serata importante, ci tengo in modo particolare innanzitutto perché sono nella mia terra ed in secondo luogo perché ancora una volta sono riuscita a smuovere le amicizie importanti della mia vita che, pur di starmi vicina, prenderanno treni, aerei e si metteranno in macchina senza esitazione per stare con me.
Talvolta mi sento un’ingrata. La gente fa chilometri per vivermi, mentre io mi limito ad un abbraccio, ai sorrisi. Parlo poco, se non delle opere e mi sembra di restituire quasi nulla rispetto alla loro presenza. Talvolta faticosa. Altre volte desiderata. Ma io sono così: parlo con gli occhi. I miei sorrisi nascondono l’inquietudine, l’ansia e tutta la riconoscenza che ho nel cuore. La mia apparente calma cela l’uragano che sono dentro. Grazie a tutti coloro che interverranno, agli amici blogger che saranno presenti ed a chi ancora non conosco, ma avrò il piacere di gustare in una serata certamente diversa, dove si potrà dire ciò che i benpensanti aborriscono, dove il pensiero avrà un unico filo conduttore: la libertà.
Una digressione frivola?
Se penso all’Alveare mi vien voglia di far Festa!
Balliamo?

Alveare Milano
Via della Ferrera, 8
20142 Milano (Zona Navigli)
Tel. 02 87 06 76 99 dopo le ore 18.00
E-mail: alveare.milano@gmail.com
Tram: 2 – 47
http://alvearemilano.org/index.php

Promozione e pubblicità. Che meraviglia tornare nella terra del sole, del mare e del vento…

La prossima settimana torno in Puglia,  una regione che amo tanto quanto la Sicilia. Una meravigliosa combinazione di colori si confonde nella mia memoria, ove il rosso della terra si congiunge al verde degli ulivi creando distonie cromatiche. Il cielo si colora dell’azzurro di un mare che in lui si rifugia quando impazza la burrasca. Ed è allora che piove. Piove rosso. Piove  il dolore di una terra strapazzata dalle leggi italiane e dalla mano dell’uomo. Ritorno dove il calore della gente mi fa piangere e non mi vergogno. Dove la tramontana raffredda le inquietudini ed i tramonti giustificano le nostre fragilità. Un’altro viaggio per me. Un’altra storia da raccontare. Finchè avrò il coraggio ed il fuoco di proseguire questo cammino, non mi stancherò di rendervi partecipi delle mie emozioni e, a modo mio, di portarvi ogni volta con me.

locandina Puglia

Una blogger a Roma

Ed è giunta l’ora di tornare in Capitale. Sabato 8 Marzo alle ore 18:15 circa (dovremo attendere che la libreria ci sistemi la saletta che prima di noi ospiterà un laboratorio di disegno per bambini, mi sembra giusto) presenteremo “Bocca di Lupa” presso la libreria Mondadori di via Piave, 18 – Roma, alla presenza dell’editore e della moderatrice: Paola Platania. Ringraziando Max ed Erre per l’aiuto che mi stanno dando nel pubblicizzare l’evento, chiedo a tutti i miei amici-lettori-blogger romani di aiutarmi a demoltiplicare la notizia della presentazione e, se tale occasione può essere un piacere condivisibile anche per voi, di venirmi a conoscere. Siete tutti invitati. Non ho parole particolari da aggiungere su “Bocca di lupa”, ne ho già parlato molto nei mesi passati e poi ho già scritto tutto nel romanzo. L’8 marzo verrò a Roma per raccontarvi una storia e lo farò con la mia sola voce, già consapevole che la timidezza farà di tutto per rendermi la lingua un pò felpata. Grazie a tutti, Stefania.

Presentazione letteraria Bocca di Lupa - Roma

Un pomeriggio molto intimo

Stefania Diedolobocca di lupa1901054_10202552045236105_1362246349_oautografando

15 febbraio 2014. Una serata intima e delicata, dal sapore famigliare. Allietata dalla presenza di una blogger che tutti amiamo e mi ha riempito il cuore di sana gioia. Grazie Diamanta per aver desiderato condividere un tardo pomeriggio umido di pioggia con me ed i miei voli, le molteplici peculiarità di Bocca di lupa, Monte Isola ed il mio modo un pò alternativo di concepire il mondo, la gente che lo vive e le sue contrarietà.

Galleria immagini presentazione letteraria del 15 febbraio 2015 presso libreria Mondadori Bergamo

stefania diedolo

Il romanzo “Bocca di Lupa” il 1 dicembre 2013 è sbarcato al ristorante dell’Albero. E’ stata una domenica da ricordare…

Presentazione DiedoloDomenica scorsa ho presentato il romanzo “Bocca di Lupa” ad una platea di 150 ospiti. In tanti anni di presentazioni letterarie forse nel 2007, presentando “ioAmo” alla libreria Babele di Milano, avevo visto così tante persone tutte insieme. E’ stato emozionante e faticoso. Ho perso due anni di vita perchè in fase preparatoria non ne andava dritta mezza, ma alla fine ne è valsa la pena. Ringrazio pubblicamente tutti coloro che sono intervenuti rendendo un pomeriggio d’inverno… un giorno speciale. La serata è stata moderata dall’amico giornalista e scrittore Antonio Grassi, alla presenza della casa editrice rappresentata dalla mia agente-amica Paola Platania e dalla giovanissima Lucia Giroletti che, oltre ad aver condotto la kermesse, ha recitato alcuni brani del romanzo.Felice Sorvolando su tutte le emozioni che ho vissuto, avendo stavolta giocato una partita in casa (la presentazione l’ho organizzata presso un ristorante di famiglia), stasera devo necessariamente soffermarmi su un commento che proprio quest’oggi mi ha lasciato il nostro amato TADS http://angolodelpensierosparso.wordpress.com/. Tullio Antimo da Scruovolo mi ha scritto le quattro righe di cui sotto, ed io ho capito che con una facilità sbalorditiva mi stava semplicemente leggendo dentro. Non che io sia un enigma incomprensibile o l’obelisco di una piramide da decifrare, ma il suo acume la dice lunga sul genio che lo contraddistingue. Da qualche giornata sono in tilt a causa di un sovraffollamento di situazioni che mi noio da sola di dover spiegare, non possiedo quindi molto tempo per scrivere, ma oggi TADS mi ha completamente spiazzata.

Commento:” ma buongiorno, come butta Stefania?… e allora… ce lo togliamo o no questo velo di tristezza?… apri l’armadio degli stati d’animo e indossa i panni della “tigressa”, QUELLI VERI, prova a ruggire e graffiare con cattiveria pura, pulita, naturale, scapperanno in tanti ma… lo spazio per i “giusti”… code message (ci siamo capiti, vero?) ;)

TADS ha ragione. Su tutta la linea. Dietro i miei sorrisi sono malinconica, sofferente ed in costrizione. Purtroppo nell’armadio non possiedo i panni della “tigressa”, non so ruggire, tanto meno graffiare, eppure lo giuro… avrei tanto desiderio di possedere tutte queste belle doti per scoccare qualche freccia avvelenata. Sto vivendo un periodo difficilissimo dove attorno a me sento il brulicare di tarme fastidiose, vedo occhi che non incrociano i miei, vengono meno i saluti ed il bisogno di stabilità si fa pressante. Un minimo dovrò schermarmi ed altrettanto un minimo dovrò diventare felina per sopravvivere. Ce la farò? Almeno ci provo. Da domani mattina, andando in ufficio, vestirò i panni della signoratigre. Che Dio mi assista…

Dimenticavo: la promozione del romanzo sta procedendo bene, stanno uscendo le prime recensioni… 

Recensione Gaia Montagna sul settimanale A sud dell'Europa

Recensione Gaia Montagna sul settimanale A sud dell’Europa

Recensione a cura del giornalista Antonio Grassi - La Provincia Cremona

Con l'agente-amica: Paola Platania

Con la mitica Mariapia

Non sono seria, solo attenta...

Antonio Grassi, giornalista e scrittore

Antonio Grassi, giornalista e scrittore

Tavolata d'eccellenza

Parlavo, quanto parlavo :-)Autografi

Galleria completa immagini presentazione letteraria romanzo Bocca di Lupa il gg 1/12/2013 presso Ristorante dell’Albero – Sergnano

La forza del coraggio

Domani parto per Catania. Sono parecchi mesi che non prendo un aereo e l’idea del volo non mi da il sottile piacere di quando ho come prospettiva una vacanza vera. Ciò nonostante, il frangente di vita che sto per vivere, mi crea trepidazione ed emozione.  Meteo.it dice che pioverà fino a sabato… il decollo da Bergamo si prevede umido. Come i miei occhi. Gli ultimi mesi sono stati infernali. Raccontarli non avrebbe significato ed onestamente faccio fatica a ripescare nei meandri della mia memoria tutto il sequel di immagini, emozioni, dolori ed infinite parole che hanno condito il mio annaspare dentro la vita. Ma in tanto sfacelo qualcosa di vivo è rimasto: il mio coraggio.
Se qualche settimana fa mi avessero chiesto quale fosse la mia peculiarità primaria, avrei risposto senza esitare: la determinazione. Ero convinta di muovermi sull’onda di una spinta caratteriale, ma mi sbagliavo. Mi guardo nello specchio ed il riflesso del mio volto così stanco… è imbarazzante. Non mi riconosco. Le rughe che mi circondano gli occhi sono divenute solchi, fatico a riposare e le scadenze hanno preso il sopravvento sul tempo che quasi è divenuto un nemico. Ma il mio coraggio… non ha nemmeno una cicatrice. E’ solido come le fondamenta di un antico monastero. Stasera voglio salutarvi così, con un video che in due minuti nasconde e rivela tanto di me. Più di quanto pensate di aver mai immaginato e più di quanto io stessa sia disposta ad ammettere. Mi assenterò per qualche giorno. Quando torno da Catania… vi racconto tutto.

Stefania

 

Vi presento il mio nuovo libro: Bocca di Lupa.

Cari amici e lettori, è con molta emozione che mi appresto ad informarvi che, dopo cinque anni di lavoro, il 24 novembre prossimo uscirà sul mercato la mia seconda fatica letteraria: “Bocca di Lupa”. Il romanzo, edito dalla Inkwell Edizioni del Gruppo Editoriale Brancato, sarà distribuito da Mondadori:

Locandina presentazione Bocca di Lupa, Mondadori di Catania

Il piacere di condividere con voi questo progetto letterario, troverà spazio anche tra le righe di signorasinasce. A tal fine ho aperto una nuova pagina dedicata all’argomento che potete trovare in alto, nel frontespizio del sito.

“L’amore e l’inganno sono i sentimenti principali che ruotano attorno ai soggetti della vicenda: i gemelli Anna e Pietro e le protagoniste del mio primo romanzo Enea ed Andrea.
Pietro: bellissimo, despota e fragile…
Anna: sensibile, delicata e dislessica…
Enea ed Andrea: indivisibili nel loro immenso amore, nonostante la morte di Andrea le abbia divise sulla terra.
Quale mistero lega la vita di tutti questi personaggi?
Quali e quanti sono i segreti di famiglia che dovranno essere svelati?  Tra gravi peccati ed una storia che nel suo sviluppo diventa un thriller psicologico, in Bocca di Lupa il lettore viene coinvolto in una saga famigliare lunga e dolorosa, dove eventi inspiegabili troveranno soluzione solo nel coraggio dei protagonisti e nella forza dell’amore”.

 Per voi, in anteprima, la copertina del libro:

Romanzo "Bocca di Lupa" di Stefania Diedolo

“Ricordo ancora, come fosse ieri, l’attimo esatto in cui il mio cuore ti riconobbe e nel ritrovarti persi tutte le mie parole. Io pensai che nella vita desideravo solo quello: il tuo sguardo immobile, fermo su di me”.

Una storia nella storia. Un amore. Un inganno. Romanzo ambientato sul lago d’Iseo, nella bellissima isola di Montisola, tra le vie di Crema, ridente cittadina lombarda e sulle rive dello splendido mare siciliano. In un crescendo di suspense e di colpi di scena,  con uno sguardo introspettivo e da thriller psicologico l’autrice trasfigura la storia di due coppie in un ritratto della società contemporanea. Tra sentimenti struggenti e peccati mortali,  in “Bocca di Lupa” vengono narrati i fatti che porteranno il lettore a vivere, in prima persona, una saga famigliare lunga e dolorosa dove i misteri ed i segreti di tutta una vita verranno svelati solo nel finale grazie alla forza dell’amore ed alla consapevolezza che la realtà, guardata fissamente, è insopportabile (Clive Staples Lewis, Diario di un dolore, 1960.)

***

La collaborazione con la Inkwell ed il lavoro svolto col mio editore, Fonzie Brancato, hanno fatto sì che anche l’opera prima ioAmo ritornasse sul mercato in seconda edizione e con una nuova veste grafica.

Ve la propongo direttamente in questo post:

Romanzo "ioAmo" di Stefania Diedolo

Per rispondere alle svariate richieste di reperibilità di ioAmo aggiungo che, oltre alla distribuzione Mondadori, entrambi i volumi saranno disponibili nelle librerie on-line ed in formato ebook dal 24 novembre prossimo.

Sperando possiate condividere con me questa nuova avventura, colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che mi seguono tra queste pagine come blogger e nella vita di tutti i giorni come amica, donna e mamma.

 Stefania