Monteisola

Monteisola

Il richiamo dell’Isola inizia a farsi sentire. Mi vedo passeggiare sulle rive spoglie di un lago che amo con tutta me stessa e cerco l’abbraccio della natura. Gli ulivi e i rododendri mi narrano di una terra invasa da piedi umani inconsapevoli di calpestare un’eredità incontaminata, antica e pregevole. Togliersi le scarpe sarebbe il minimo, ma non per sentire cosa significa camminare sulle sue acque. L’Isola merita il rispetto per ciò che ci regala in termini di bellezza, silenzio e tradizioni. La montagna piange. Quando la mano dell’uomo modifica la visione della realtà, accade che superi i limiti stessi del territorio. Manca poco terra amata e ti verranno restituiti libertà e silenzio. Solo il vento potrà soffiare forte il suo canto, mentre la corrente mi ricorderà che posso respirare sotto la sua energia finché non tornerà la quiete del sogno.
‪#‎monteisola‬
‪#‎mylife‬

Vi presento Rocher

ROCHER4ROCHER3ROCHER2

ROCHER 1

Si chiama Brooklyn Rocher, è un Cocker Spanish Inglese di due mesi e da sabato 19 marzo vive a casa con noi. In famiglia avevamo già Neve, stessa razza, dieci anni, ma dopo qualche mese di riflessione abbiamo aperto le porte ad un nuovo amico. L’idea di allargare la famiglia è stata di Sofia, mia figlia, ma son certa che dietro le sue ottime intenzioni si cela l’energia di mio padre. Lui amava i cani da caccia, ne aveva cinque e se tanti anni fa  Neve è entrato nella nostra vita è stato proprio grazie a papà, che con la scusa di  accompagnarmi in un allevamento a vedere dei cuccioli, mi convinse poi a tornare a casa con il primo cane della mia vita. In questo blog ho dedicato molto spazio alla morte di mio padre, la sua assenza è un dolore che non riesco a superare nonostante tutti i miei sforzi e il tempo che dovrebbe essere complice. Con onestà confesso pubblicamente che la sua dipartita mi ha completamente trasformata, sono diventata meno rigida, meno perfezionista, ho imparato a vivere alla giornata e mi commuovo innanzi a tutto ciò che arriva dalla natura. Ho imparato a distinguere le cose che hanno valore dalle cose superficiali, ho imparato a scegliere, a conservarmi, a difendermi. Avrei voluto vivere di più mio padre. Mi sento in colpa per le volte che la vita mi ha portata lontana da lui, ma in questi giorni sono certa che il suo spirito, ovunque sia, frema di felicità. Rocher è anche un po’ per te papà. Attraverso il ricordo del tuo amore per gli animali, ti cerco in loro e mi sento più serena.

Sentirsi

donna

Ieri mattina il tè fumava nella tazza di ceramica nera e mentre cercavo i miei frollini preferiti, è apparso il sole. L’ho guardato innamorata della vita ed ho sentito di nuovo quel fremito. Ho fatto l’amore con la mia essenza profonda e mi sono inebriata di profumi antichi che sanno di buono. Avevo scordato cosa significa amarsi. L’ho segnato sul calendario. Sono viva. Il cuore è caldo. Mi sorridono le punte dei capelli e sto a 54,75. Poi sarò 55,56,57, di nuovo 58 chilo massa di femmina. Quella che sono sempre stata. Amo il tè con i frollini. Forse stavolta riesco ad amarmi per quella che sono.