Comoradio International

belinda raffaeliCarissimi amici e lettori, vi comunico che domani 6 novembre alle ore 21:30 sarò in diretta radiofonica su Comoradio International, ospite nel salotto di Belinda Raffaeli. Se avete desiderio di ascoltarci, collegatevi dai vostri pc, ipad e iphone su comoradio. Il sito presenta a sinistra un tasto rosso con scritto “ASCOLTA ORA LA RADIO”, et voilà… troverete me e Belinda che tra il serio ed il faceto cercheremo di parlarvi di cosa significa essere oggi donna, mamma e scrittrice. Parleremo ovviamente del mio ultimo romanzo, “Bocca di lupa”, ma non solo. Le tematiche di vita come la sopravvivenza, gli amori difficili, la realtà, la natura e la poesia saranno la struttura portante della nostra chiacchiera. Non sarà nulla di pretenzioso com’è nel mio stile, ma sono certa che sarà come stare tutti insieme nel salotto di casa. Sono particolarmente divertita per questo invito, ma anche un poco ansiosa com’è tipico nel mio carattere. Tra l’altro… devo ammettere di non essere abituata a non guardarvi in faccia, mi auguro mi vengano le parole e se così non sarà…perdonate la mia timidezza. Ho deciso che cercherò d’immaginarvi e già so che non sarà una fatica. Il ricordo indelebile dei vostri visi attenti ed emozionati alle mie presentazioni letterarie mi farà certamente compagnia. Grazie Belinda per il gradito invito e per la donna che sei. A presto on the air… Stefania

am Apulia Magazine

Intervista Am ApuliaMagazine

Stefania Diedolo

Stefania Diedolo scrive da tempo e “Bocca di lupa” è il suo secondo romanzo, dopo “ioAmo”. Si occupa di finanza ma anche del suo blog www.signorasinasce.wordpress.com.  E, allora, conosciamola meglio.

Il tuo libro “Bocca di lupa” è di forte impatto emotivo. Tutti i personaggi avvertono, chi in un modo chi in un altro, il bisogno di affrontare alcuni aspetti del proprio passato. Ti ha molto intrigato l’eventualità di dover fare i conti con il passato?                            

Nel passato dei protagonisti di “Bocca di lupa” si cela la chiave di volta della loro esistenza. Nello scorrere della trama, trovare quella chiave, diventa fondamentale per poter aprire le porte del loro presente. Da buona intimista è stato entusiasmante ripercorrere la loro infanzia. In fondo è da lì che tutti dovremmo ripartire per capire chi siamo.

Com’è nato questo libro e com’è nata l’idea di ambientarlo a Montisola?

Questo romanzo fa parte di una trilogia. Il progetto è nato nel 2007 quando è uscito sul mercato il mio primo libro dal titolo “ioAmo”. Bocca di lupa è il suo naturale divenire. Montisola è l’isola lacustre più grande d’Europa. Vivo tale luogo magico da oltre un ventennio perché tra le sue rive ho la fortuna di possedere una casa di famiglia. L’idea di ambientare il romanzo proprio sull’Isola mi ha dato l’opportunità di narrarne caratteristiche, peculiarità e leggende.

Mi ha molto incuriosito la scelta di due nomi maschili per due donne che si amano. Come mai hai deciso di chiamare Enea e Andrea due delle protagoniste del romanzo?

Il pubblico conobbe Enea ed Andrea nel 2007, essendo entrambe i principali personaggi della storia d’amore narrata in “ioAmo”. I loro nomi, utilizzabili sia al maschile che al femminile, erano perfetti per il mio progetto ove intenzionalmente desideravo distogliere l’attenzione del lettore dalla loro vera identità sessuale. Volevo che il medesimo restasse imbrigliato e vivesse i sentimenti narrati a prescindere dal corpo dei protagonisti. Già nel titolo del libro l’io minuscolo cede il passo alla A di un amore universale più grande di ogni etichetta. Il sentimento dell’Amore in fondo non ha mai avuto sesso. Le due protagoniste sono da me talmente amate da averle volute riproporre in tutta la loro densità emotiva anche in “Bocca di lupa”.

A chi ti sei ispirata per la figura di Enea?

Enea rappresenta la donna moderna contemporanea. Determinata, consapevole, ardita, ma nel contempo fragile e bisognosa d’amore. Nella sua delicata energia traspare tutta la forza delle donne di oggi.

In “Bocca di lupa” scavi nel profondo della storia di una famiglia, analizzando soprattutto il rapporto tra un fratello e una sorella gemelli. Che cosa ti ha spinto a scegliere proprio questo tema?

Il progetto a cui sto lavorando ha come obiettivo il narrato introspettivo degli “amori socialmente discutibili”. Mentre in “ioAmo” ho raccontato le gioie ed i dolori di un amore omosessuale, in “Bocca di lupa” la mia attenzione si è focalizzata sul rapporto di fratellanza morboso dei gemelli Anna e Pietro Marchesi, un rapporto tragico e delicato vissuto all’ombra di una società assente, che non vede ciò che esiste.

Tra i protagonisti del romanzo grande spazio ha un diario scritto da una bambina che, pagina dopo pagina, diventa donna. Ne tieni uno anche tu?

Ho smesso di scrivere diari alle scuole medie, quando ho scoperto che mia madre ne faceva uso e consumo. (Sorrido al ricordo). Da quando ho scoperto il web mi diletto nella scrittura catartica per il tramite del mio blog www.signorasinasce.wordpress.com.

Questo romanzo comincia con una persona che abbandona la propria vita precedente e ne ricomincia un’altra da un’altra parte. Già sai e puoi svelare ai lettori di AM l’incipit del tuo prossimo libro?

Nel mio prossimo romanzo svelerò gli ultimi segreti della famiglia Marchesi di Crema e disquisirò di quando la gelosia diviene ossessione compulsiva danneggiando irrimediabilmente anche i più grandi rapporti d’amore. Nell’incipit posso con certezza affermare che l’io narrante arriverà dal futuro.

Written by Rosalia Chiarappa
Write on Giovedì, 29 Maggio 2014 Published in Storie di Carta