Nuda

bimbo

Se fossimo liberi nelle nostre intime nudità, potremmo dipingerci arcobaleni su pelli e cicatrici. I volti grigi degli afflitti troverebbero la luce nei riverberi delle infinite nuance che la vita possiede. Ma la società impone abiti sintetici. Luci al neon. Scintille di discoteche latrine. Le pianure asfaltate di catrame… obbligano a calzari così dannatamente scomodi!

Rimpiango con dolore il parto in cui la mia amata madre mi diede al mondo. In quella partenza verso l’esistere non avevo coscienza per scegliere una vita nuda. Sin dal principio mi adornarono di morbidi cotoni e trine di ciniglia. Bastò un sol giorno per perdere la mia libertà d’Essere e dare il via a questa vergogna dal nome Apparire.