Comoradio International

belinda raffaeliCarissimi amici e lettori, vi comunico che domani 6 novembre alle ore 21:30 sarò in diretta radiofonica su Comoradio International, ospite nel salotto di Belinda Raffaeli. Se avete desiderio di ascoltarci, collegatevi dai vostri pc, ipad e iphone su comoradio. Il sito presenta a sinistra un tasto rosso con scritto “ASCOLTA ORA LA RADIO”, et voilà… troverete me e Belinda che tra il serio ed il faceto cercheremo di parlarvi di cosa significa essere oggi donna, mamma e scrittrice. Parleremo ovviamente del mio ultimo romanzo, “Bocca di lupa”, ma non solo. Le tematiche di vita come la sopravvivenza, gli amori difficili, la realtà, la natura e la poesia saranno la struttura portante della nostra chiacchiera. Non sarà nulla di pretenzioso com’è nel mio stile, ma sono certa che sarà come stare tutti insieme nel salotto di casa. Sono particolarmente divertita per questo invito, ma anche un poco ansiosa com’è tipico nel mio carattere. Tra l’altro… devo ammettere di non essere abituata a non guardarvi in faccia, mi auguro mi vengano le parole e se così non sarà…perdonate la mia timidezza. Ho deciso che cercherò d’immaginarvi e già so che non sarà una fatica. Il ricordo indelebile dei vostri visi attenti ed emozionati alle mie presentazioni letterarie mi farà certamente compagnia. Grazie Belinda per il gradito invito e per la donna che sei. A presto on the air… Stefania

La forza del coraggio

Domani parto per Catania. Sono parecchi mesi che non prendo un aereo e l’idea del volo non mi da il sottile piacere di quando ho come prospettiva una vacanza vera. Ciò nonostante, il frangente di vita che sto per vivere, mi crea trepidazione ed emozione.  Meteo.it dice che pioverà fino a sabato… il decollo da Bergamo si prevede umido. Come i miei occhi. Gli ultimi mesi sono stati infernali. Raccontarli non avrebbe significato ed onestamente faccio fatica a ripescare nei meandri della mia memoria tutto il sequel di immagini, emozioni, dolori ed infinite parole che hanno condito il mio annaspare dentro la vita. Ma in tanto sfacelo qualcosa di vivo è rimasto: il mio coraggio.
Se qualche settimana fa mi avessero chiesto quale fosse la mia peculiarità primaria, avrei risposto senza esitare: la determinazione. Ero convinta di muovermi sull’onda di una spinta caratteriale, ma mi sbagliavo. Mi guardo nello specchio ed il riflesso del mio volto così stanco… è imbarazzante. Non mi riconosco. Le rughe che mi circondano gli occhi sono divenute solchi, fatico a riposare e le scadenze hanno preso il sopravvento sul tempo che quasi è divenuto un nemico. Ma il mio coraggio… non ha nemmeno una cicatrice. E’ solido come le fondamenta di un antico monastero. Stasera voglio salutarvi così, con un video che in due minuti nasconde e rivela tanto di me. Più di quanto pensate di aver mai immaginato e più di quanto io stessa sia disposta ad ammettere. Mi assenterò per qualche giorno. Quando torno da Catania… vi racconto tutto.

Stefania