Grande Occhio Vip

gf

La TV spazzatura non si smentisce mai: genera ascolti. Dopo i mezzi flop degli ultimi due anni, i produttori del Grande Fratello hanno aggiunto la parola VIP (scopiazzando l’Isola) e esordito con un audience non fantasmagorico, ma per mio pensiero… da far ricrescere i capelli a Kojak (non ci si può credere). Nove giorni fa, gli italiani che comprano le riviste di culto tipo “Novella 2000” e “Chi”, erano tutti incollati allo schermo a vedere ex-sportivi, ex-tronisti, ex-modelle, ex-calciatori, ex-volti di Non è la Rai, ex-concorrenti di Pechino Express divisi fra la casa agiata e “La Cantina”, nel tentativo reiterato di metter in mostra le proprie doti artistiche e umane. Mi chiedo di quale arte stiamo parlando e perché non la possono esternare in contesti professionalmente meno trash, ma è meglio che non mi faccio continuamente domande. Sarei disonesta se affermassi che ero tra quello share del 21% della prima puntata, in realtà mi stavo sollazzando alle Egadi ed ero impegnata in ben altre tipologie di performance. Lo stesso vale per ieri sera dove so che è stato eliminato Costantino Vitagliano, ma come dice mia figlia: <<Mamma quest’anno lo spettacolo è una vera “pacchianata”>>. E se lo dice lei che considera la TV la sua “miglior amica”, son costretta a crederle sulla parola. Pare che i protagonisti riescano a litigare per uno specchio giustificandosi successivamente che vivano l’esperienza in condizione di stress. Più che comprensibile. La vetrina è stress per antonomasia. La clausura ti porta a bestemmiare, urlare per una fetta di prosciutto. Desiderare l’accoppiamento con chiunque mostri disponibilità, stante l’astinenza forzata. Ma… tutto questo lamentarsi è lecito quando sei strapagato per fare il pagliaccio? No dico, stanno facendo uno show di poche pretese in un paese che va a rotoli sotto ogni aspetto economico e politico, sono profumatamente pagati eppure ostentano egocentrismo e sono afflitti da ansia da prestazione?
Immondizia. Non mi sovviene altro termine.
Confesso che il primo format lo vidi per intero. Fu interessantissimo sotto il profilo sociale osservare perfetti sconosciuti arrivare in televisione e ignari della giostra mediatica in cui sarebbero rimasti invischiati… veder scorrere le immagini della loro impulsiva emotività. Ma eravamo all’esordio di un “poi” che sarebbe stato culturalmente scandaloso. All’epoca i giovani coinvolti avevano la purezza della non-conoscenza. Oggi la vicenda si è modificata. In fascia oraria non protetta vanno in onda umani in cattività forzata (anche se per scelta) che palesano violenza verbale, maleducazione, egocentrismo e sesso a telecamere accese in un circo mediatico dal soldo facile. Se questi sono i simboli della nostra cultura, dov’è finita la libidine di chi per secoli ha studiato l’evoluzione dell’homo sapiens? Nella cloaca del tempo che va all’indietro? Ha ancora sapore la TV spazzatura?
Ognuno ha i suoi gusti e si sa che la leggerezza serve per affrontare la quotidianità pesante che ogni giorno siamo costretti a subire, ma buttare dal divano due ore della propria esistenza per guardare la superficialità fare audience… può davvero spalancarci le porte del Paradiso?
Io credo di no. Motivo per il quale quest’anno “passo”.
E chiudo.